Osservatorio Nazionale permanente sulle Professioni L. 4/2013‏

Riceviamo da CNA Professioni e trasmettiamo ai soci, libero professionisti.

 

Gentile Professionista,                                                              

il mondo delle professioni non organizzate in ordini o collegi (cosiddette professioni non ordinistiche) è oggi un tema di primo piano nell’agenda politica del nostro Paese. Dopo anni in cui è stato trascurato e poco considerato dal Legislatore si sta finalmente prendendo coscienza della sua importanza sociale, numerica ed economica.

Un ruolo importante in questo processo lo ha avuto sicuramente l’”Osservatorio Nazionale Professioni L.4/2013” istituito da CNA Professioni e dalle associazioni professionali ad essa affiliate che ha preso vita nel 2015. I risultati dell’analisi conoscitiva, in termini quantitativi e qualitativi,  al fine di restituire chiarezza interpretativa a questo universo fino ad oggi rimasto sottostimato,  sono stati presentati nell’aprile dello scorso anno nella Sala Regina di palazzo Montecitorio alla presenza di numerosi rappresentanti del Governo e del Parlamento.

Colmare il deficit riguardante questo mondo professionale è fondamentale per poterne tutelare gli interessi e conoscerne le necessità.

 

Ha inizio adesso la raccolta dei dati da presentare per il 2016.

Per questo, Le chiediamo di aiutarci e partecipare all’indagine  rispondendo alle domande del questionario (assolutamente anonimo)  qui collegato:

https://it.surveymonkey.com/r/Indagine_CNA_Professioni2016

 

Come detto, i risultati dell’indagine saranno utilizzati da CNA Professioni per sostanziare al meglio le proprie proposte e per indirizzare l’azione del Legislatore sul tema delle professioni non ordinistiche.
Si assicura che i dati verranno trattati in forma strettamente anonima ed aggregata garantendo il rispetto della normativa sulla privacy.

Confidando nella vostra collaborazione per la miglior riuscita del progetto, , vogliate gradire i nostri più cordiali saluti,

 

 

Il Presidente

Giorgio Berloffa

Lascia un commento