Convegno del Politecnico di Milano su Big Data e Business Analytics, 29.11.16

 

20161129_112958

Si è tenuto a Milano nella sala conferenze dell’Istituto Mario Negri questo convegno organizzato da Osservatori.net del Polimi.

 

Il focus è stato sui Big Data e sul risultato della indagine eseguita da questo Osservatorio nel 2016 (ca. 350 aziende intervistate).

 

Il valore di questo mercato sta aumentando con percentuali impensabili se confrontate con altri indicatori economici generali.  Si stima abbia raggiungo in Italia i 905 M€. di cui un 80% è legata al Business Intelligence ed il 20% dei Big data (in aumento questi ultimi del 44% rispetto al 2015).

 

Efficace la caratterizzazione tra :  Big Data che è legata alla ‘infrastruttura’ dei dati e l’Analytics che reppresenta l’ “algoritmo”.

 

 

 

 

 

Applicazioni :

 

– descriptive analytics che serve a descrivere il pregresso e l’oggi (utilizzato dal 89% delle aziende consultate)

– predictive                 che fa una previsione per il futuro (59%)

– prescriptive               che in più propone delle sioluzione ai quesiti posti (23%)

– automated                che implementa le proposte  (10%).

 

 

Forte incremento dell’interesse secondo Google Trends dal 2011 ad oggi.

trend

 

 

 

 

 

 

 

Ci sono stati alcuni interventi che mi hanno interessato, tra tanti  troppo tecnicistici, da informatici .

 

Ad es. mi è piaciuti quello di Davide Cervellin (un esempio di cervelli in fuga, 35enne, molto ricercato in UK per consulenze a CEO di imprese; dall’Italia: …zero!) che è Analytics Manager Europe di eBay.

 

 

Ha raccontato la evoluzione del concetto e dei sistemi, legati alle capacità tecnologiche di incremento di: data velocity, data volume e data variety.   eBay è fortemente concentrata ovviamente nella analisi del comportamento del cliente.  Il marketing negli ultimi decenni è cambiato partendo dal broadcasting (via giornali, TV, etc.) rivolta a ‘tutti’,  alla pubblicità segmentata grazie ad internet, per arrivare alla ‘individualization’ ovvero alla pubblicità rivolta al singolo cliente : questo grazie allo sviluppo al  machine learning che permette di analizzare il suo precedente comportamento per anticipare i bisogni del singolo cliente.

 

A conclusione del suo intervento ha riportato una frase del loro attuale CFO: “io sono arrivato a coprire questo ruolo senza conoscenza del mondo del Big Data, ma sarò  l’ultimo!”; infatti tutto il personale del Finance Department è fortemente coinvolto nella formazione in questo campo tecnico.

 

Ho trovato molto stimolante il lavoro svolto dall’ Institute of the Future per la Phoenix University sulle competenze chiave per il lavoro previste per il 2020 .

future

 

Mi hanno colpito le seguenti ‘competenze’ chiave:

  • Pensiero adattivo: capacità di individuare soluzioni oltre le cornici di riferimento prestabilite
  • Mentalità computazionale: mentalità flessibile con competenze in grado di organizzare concetti astratti a partire da grandi quantità di dati
  • Capacità di collaborare in ambienti virtuali
  • Gestione del carico cognitivo: capacità di filtrare, selezionare e organizzare le informazioni in modo adeguato
  • Sense making: capacità di ‘dare senso’ a informazioni e situazioni cogliendone il significato profondo.

MIO Commento:  quante di queste competenze qui sopra elencate, sono già parte integrante delle abilità e conoscenze del controller (come abbiamo analizzato nella norma UNI 11618) ?! Come, quali e quantitativamente cambieranno in futuro ?

Io ho partecipato a questo evento oltre che per una mia curiosità per tutto ciò che è Statistica applicata al business, perché sto lavorando – per ora da solo (se qualche socio vuole partecipare, mi scriva/telefoni) – all’Osservatorio sulla figura del controller al 2021 : quali cambiamenti sono previsti nel medio termine ?

Big data & business analytics è sicuramente uno stimolo e uno scenario tra i più prevedibili.

Spero nel 2017 di organizzare un evento di confronto su questa tematica coinvolgendo decision maker e ‘creativi’ con i quali discutere questi scenari che impatteranno sicuramente il controller del prossimo futuro.

 

Lascia un commento