Novità sui regimi minimi

> REGIME MINIMI – ESTENSIONE A TUTTI I SOGGETTI CHE INIZIANO L’ATTIVITA’ NEL 2015 – POSSIBILITA’ DI CORREGGERE IL COMPORTAMENTO ADOTTATO FINO AL 23 LUGLIO 2015
> L’Agenzia delle Entrate è intervenuta in merito all’applicazione del regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (ex art. 27, commi 1 e 2, del D.L. n. 98/2011) con la recente risoluzione 23 luglio 2015, n. 67/E.
> Tale risoluzione chiarisce l’ambito applicativo del suddetto regime nelle ipotesi in cui un soggetto inizia l’attività nei primi mesi del 2015 ovvero prima del 1° marzo 2015, data di entrata in vigore della disposizione recata dall’art. 10, comma 12-undecies, del D.L. n. 192/2014 che stabilisce la decorrenza del termine di riapertura del regime fiscale di vantaggio previsto dal citato art. 27, c.1 e 2, DL n. 98/2011.
> Per conoscere la portata applicativa della risoluzione n. 67/E in merito a tutte quelle situazioni createsi per effetto dell’incertezza normativa è stata sentita, per le vie brevi, l’Agenzia delle Entrate.
> In particolare, è stato richiesto un chiarimento per quei soggetti che hanno iniziato l’attività dopo il 1/3/2015 (decorrenza termine di riapertura del regime fiscale di vantaggio) con l’emissione di fatture con applicazione dell’Iva e senza la comunicazione in sede di inizio attività dell’opzione per l’adesione allo stesso regime di vantaggio.
> E’ stato chiesto all’Agenzia se tali soggetti potessero aderire al presente regime stesso nel 2015, adottando i comportamenti descritti nella citata RM n. 67/2015, pur avendo esercitato il diritto alla detrazione e proceduto alla liquidazione periodica dell’IVA.
> L’Agenzia delle Entrate ha confermato che la finalità è quella di riconoscere a tutti i contribuenti – non solo a coloro che hanno iniziato l’attività prima dell’entrata in vigore del decreto mille proroghe ma a tutti quelli che abbiano, per errore, applicato un diverso regime in mancanza di chiarimenti da parte dell’Agenzia – di rettificare i documenti già emessi con addebito di Iva entro 30 giorni dalla pubblicazione della risoluzione.
> Considerando che la risoluzione è stata emanata durante i mesi estivi ed in periodo di campagna dei versamenti relativi alle dichiarazioni, è nostra intenzione chiedere una proroga del termine per effettuare la correzione del comportamento ad una data successiva alla pausa estiva.
>
> ________________________________
> Per le news e tutti gli altri documenti non riservati dell’Ufficio politiche fiscali vai su:
> http://www.cna.it/DIPARTIMENTI-E-UFFICI/Politiche-fiscali
> Per le Comunicazioni tributarie e tutti gli altri documenti riservati dell’Ufficio Politiche fiscali vai su:
> http://sistema.cna.it/Politiche-fiscali

Lascia un commento