Torna a Cosa Facciamo

Gruppo di lavoro 9: Pubblica Amministrazione

Permalink link a questo articolo: https://www.assocontroller.it/cosa-facciamo-per-il-controllo-di-gestione/gruppo-di-lavoro9-pubblica-amministrazione/

1 comment

  1. AGGIORNAMENTO AL 31.10.2017
    Sulla base delle indicazioni fornite dal prof. Bruno Bernardi dell’Università Ca Foscari di Venezia il dott Pietro Marigonda sta elaborando un working paper sul suo caso di studio (l’Università IUAV di Venezia) che potrebbe costituire un “prototipo” in grado di facilitare il lavoro degli altri componenti del gruppo.

    ………………………………………………………………………………………
    SINTESI LAVORO SVOLTO FINO AL 31.12.2016
    Il gruppo di lavoro sulla PPAA di Assocontroller nasce dall’idea di mettere insieme diverse esperienze di lavoro nelle amministrazioni pubbliche al fine di far emergere da un lato gli aspetti caratteristici del sistema di controllo, e dall’altro le criticità presenti, al fine di offrire utili indicazioni per il miglioramento.
    Allo scopo di acquisire informazioni sulle caratteristiche del lavoro svolto dai partecipanti e quindi sugli enti potenzialmente coinvolti, è stato realizzato e diffuso a tutti i soci Assocontroller (ad aprile 2015 e gennaio 2016) un questionario ad hoc come stimolo a un percorso graduale di coinvolgimento, finalizzato anche a acquisire informazioni sulle caratteristiche utili ai fini della ricerca e alla individuazione dei soci maggiormente interessati. Sono stati raccolti circa 20 questionari da cui sono stati selezionati 9 casi di particolare interesse. Si trattava in prevalenza di soci che hanno svolto lavoro in PPAA come dipendenti (7 su 9), con una ampia varianza in termini di numero di dipendenti (da 10 a 12.000). Il gruppo era costituito da 4 enti locali e municipalizzate, 2 enti di ricerca e università, 2 sanità, 1 altri enti pubblici.
    In tema di controllo è emerso che 8 enti su 9 erano dotati di una struttura specifica dedicata al controllo di gestione, una contabilità analitica e di budget, caratteristiche necessarie per sviluppare un controllo di gestione. Nella maggior parte dei casi i colleghi che hanno risposto ritenevano che ci fossero stati significativi cambiamenti nel sistema di controllo negli ultimi anni. Sulla base de questionario sono quindi stati selezionati 8 soci ed è stato avviato un primo gruppo di lavoro.
    Il primo obbiettivo posto è stato quello di identificare dei temi ricerca che rispondessero all’obbiettivo posto con la costituzione del gruppo. Dopo un intenso e prolungato lavoro i temi emersi sono stati i seguenti:
    TEMI DI RICERCA
    1 Aspetti identificativi e organizzativi dell’ente: cosa fa e come è organizzato
    2 L’ evoluzione del sistema di misurazione nell’ente scelto
    3 Gli effetti che l’evoluzione del sistema di misurazione ha determinato sulla performance e le principali criticità su cui intervenire
    4 Quali dimensioni privilegia (interna, esterna, contabile, di programmazione, ecc.)
    5 Qual è il livello di attenzione agli aspetti sociali e ambientali

    Alla fine del 2015 è iniziata la stesura da parte dei partecipanti di un paper riassuntivo dell’analisi effettuata sul proprio ente.
    Nel 2016 i paper pervenuti sono stati revisionati dal prof. Bruno Bernardi dell’Università Ca’ Foscari di Venezia che ha gentilmente svolto una funzione di coordinatore scientifico del gruppo fin dall’inizio. E’ subito emersa la validità dell’analisi fatta sia per la concretezza degli esempi che per la qualità delle indicazioni fornite. Tuttavia il ristretto numero di casi presentati non è sembrato adeguato a sostenere la pubblicazione di una monografia, o di un libro di buone pratiche sulla gestione di aziende della PPAA, come si era ventilato in un primo tempo.
    Il suggerimento del prof. Bernardi, da realizzare nel corso del 2017, è stato quindi di trasformarli in casi di studio e diffondendoli attraverso la pubblicazione di una collana (Assocontroller) di working paper sulle buone pratiche del controllo nella PA. Ciò consentirebbe sia di rendere da subito disponibile il materiale prodotto, mantenendone tutta l’attualità, sia di aggregare nuovi materiali pervenuti nel corso dell’anno da parte di altri colleghi interessati, incrementando così la possibilità di realizzare un obiettivo più complesso, come quello di una pubblicazione nella quale presentare i casi per diverse categorie di problemi/processi.

Lascia un commento