Nuove tecnologie ed i cambiamenti nella Funzione Finance

Aggiungo questo post, che si collega ad altri dello stesso tenore, per riportare due bei lavori, ambedue americani, sull’impatto delle (nuove) tecnologie sulla funzionalità, numero, e skill dei professionisti della funzione di Controllo e Finanza.

 

Mi riferisco innazitutto ad un articolo su SFMagazine (di IMA) del giugno us, pag. 32.

Gli autori parlano di  ‘disruptive technologies’: robotic process automation, artificial intelligence e Bockchain.

Mentre McKinsey valuta che ben il 42% dei job in questa funzione sarà perso a causa di queste tecnologie, le stesse  possono  dare un impulso positivo: necessiteranno nuovi job con la richiesta di alte competenze tecniche con background in processi di accounting e controlling.  Essi avranno  un ruolo primario nella creazione di nuovi processi RPA nello scrivere algoritmi e nel monitoraggio dei processi automatizzati.

Dal ruolo di manipolatore (‘manuale’) dei numeri a interprete dei numeri generati da algoritmi.

Mio commento: Questo è il punto cardine. Quanto sopra va riferimento a  quell’area di compiti che nello standard professionale (codificato nella Norma UNI 11618) è chiamato: Business partnership, ovvero la possibilità di dare un contributo diretto (come uno ‘sparring-partner’) del CEO, imprenditore nella strategia, programmazione e controllo della realtà aziendale.

 

 

Ho trovato molto stimolante e vi suggerisco caldamente di leggere con molta attenzione, il risultato di uno studio fatto dalla McKinsey    Bots, algorithms, and the future of the finance function

Oltre alla valutazione su quali processi subiranno un profondo reengineering grazie a RPA, learning machines, bots, ed altro, ho trovato stimolanti le conclusioni finali.  Sono mirate a dare una sorta di ‘linee guida’:

  • aggredire innanzitutto quelle attività tediose, onerose (in termini di  numero di ore uomo destinate), a basso valore aggiunto
  • creare un ruolo in sinergia tra la funzione HR e Finanza per valutare quelle risorse umane che andranno ricollocate nella azienda. Importante è l’informazione e la trasparenza del processo di riorganizzazione
  • nel attività di assunzione di nuove risorse dare peso alle conoscenze ed abilità legate alla digitalizzazione dei processi. Giustamente considera essenziale che nella unità ci siano competenze informatiche tali da poter autonomamente ad innovare e gestire, senza l’ausilio dei tecnici IT!

Questo ultimo capoverso è strategico:

sicuramente nel mix delle conoscenze ed abilità del controller dovranno essere presenti in modo importante quelle legate agli strumenti IT e di analisi dei dati.  In tal senso la revisione della Norma UNI 11618 ne terrà conto.

 

 

 

controllo di gestione, controller, AI, RPA, Norma

 

 

 

Permanent link to this article: https://www.assocontroller.it/artificial-intelligence/controllo-di-gestione-controller-ai/

Lascia un commento